Blog Accuride

Blog Archive
Argomenti del blog
Helle Kinning

Soluzioni intelligenti di stile di vita: Häfele Functionality

Author: Helle Kinning, Marketing and distribution support specialist


2nd Jan 2014


Accuride non si è lasciata scappare l’opportunità di una breve chiacchierata con il Signor José Lorca nella sede della Häfele a Nagold, in Germania. Il Signor Lorca è il Responsabile della Gestione Prodotto.

Nel settore B2B si parla molto di Social Media e di come si possono usare in modo vantaggioso, come nel mercato B2C. Qual è la posizione di Häfele al riguardo? Li usate per comunicare con i vostri clienti esistenti e nuovi; come tenete sotto controllo i messaggi in tutto il mondo e che vantaggi ne traete?

Häfele ha avviato il negozio in linea "Easy-Link" già negli anni Novanta, il che era decisamente una novità in quegli anni per il mercato B2B.

I Social Media sono una megatendenza e naturalmente offrono a Häfele grande potenziale.

Consideriamo i nostri profili nei network sociali come un modo per ampliare i nostri servizi e parlare a clienti sia nuovi che vecchi.

Le organizzazioni Häfele in tutto il mondo usano i Social Media e possiamo ascoltare e reagire alle esigenze dei nostri clienti dovunque essi siano.

Häfele ha avuto nuove opportunità commerciali durante la recente recessione e come ne ha tratto vantaggio?

È stato un periodo difficile per la gente.

Ma le persone che hanno risparmi preferiscono investirli in qualcosa di duraturo, qualcosa che possono usare nella vita di tutti i giorni piuttosto che sedere e aspettare di vedere cosa succede.

Quindi hanno deciso di spendere i loro soldi nell’installare una cucina nuova per esempio, o forse per fare un ampliamento della casa.

Quali sono le tendenze e design emergenti nuovi in Germania nelle costruzioni, la casa e l’arredamento? Häfele come risponde ad essi? Segue queste tendenze o ne crea di completamente nuove? Avete team speciali per lo sviluppo/la ricerca di prodotti nuovi?

Negli ultimi quattro-cinque anni la tendenza è stata quella di combinare vari aspetti dello spazio abitabile, per esempio la cucina e il soggiorno.

C’è stato un cambiamento sociale, la vita è più “collegata” se mi spiego bene. La gente lavora da casa quindi deve avere un ufficio pratico che può diventare un soggiorno o una camera da letto.

Allo stesso tempo lo spazio diventa sempre più caro. La gente si sposta dai paesi in città dove lo spazio è nuovamente limitato, quindi siamo in grado di offrire design molto eleganti e compatti per ogni casa. Per esempio, la scrivania può diventare un letto in pochi secondi!

Direi decisamente che creiamo le tendenze e non che le seguiamo.

La svolta fu l’Interzum 2007 quando cominciammo ad esibire i nostri prodotti in ambienti di stili di vita. Costruimmo scenari reali di una camera o cucina dove erano messi in bella mostra tutti i componenti. La gente venne al nostro stand e trovò facile immaginare il tutto nella propria casa. Cominciammo ad offrire non solo un prodotto ma soluzioni intelligenti di stile di vita. L’abbiamo chiamata Häfele Functionality.

Häfele ha team e fabbriche per lo sviluppo dei prodotti propri. Quest’anno festeggiamo il nostro 90° anniversario e abbiamo raggiunto un giro d’affari globale di 1 miliardo di Euro.

Qual è la Sua innovazione Häfele preferita e perché?

Oh, ce ne sono talmente tante!!

Penso che una debba essere questa scrivania che si trasforma in un letto e anche il nostro accessorio a ribalta ‘Free flap’.

Deve veramente visitare i nostri stand in fiera per vedere i concetti in prima persona. Sono tutti sistemi molto semplici e di facile installazione, ma spesso le cose più intelligenti nella vita sono semplici!

Ci sono mercati completamente nuovi che si stanno aprendo in cui Häfele vorrebbe essere coinvolta?

Sicuramente l’Europa Orientale, India, Cina e Turchia. Tutti questi mercati sono in crescita rapida ed offrono opportunità troppo buone da perdere.

Finora direi che il nostro sistema di chiusura elettronica Dialock ci ha aperto mercati nuovi in cui non eravamo partecipi.

Qual è la Sua strategia per proteggere prodotti di buona qualità come i vostri dall’assalto della concorrenza bassa dell’Estremo Oriente?

La legislazione Europea, che emette leggi per certi standard qualitativi e garanzie di durata del prodotto, sostiene di mantenere gli standard qualitativi.

Ma le aziende devono essere pratiche e astute. Ovviamente brevettiamo le nostre innovazioni e investiamo nello sviluppo. Per sopravvivere devi sempre essere alcuni passi davanti alla concorrenza.

Il marchio di fabbrica e cosa rappresenta contano veramente. I clienti vogliono sentirsi sicuri quando acquistano e aver fiducia nell’azienda da cui acquistano. Siamo anche cauti nella selezione dei nostri partner commerciali e fornitori, quali Accuride.

Ci sono delle leggi nuove che entreranno in vigore da cui Häfele potrebbe trarre vantaggio?

Dal 1° luglio dobbiamo certificare che i prodotti architettonici sono conformi agli standard* UE e che li seguiamo.

I produttori devono emettere una dichiarazione di performance per l’utente finale che garantisce lo standard qualitativo.

Nel Suo ruolo, quali sono gli scopi e obiettivi dell’Häfele?

Lavoro per Häfele da molti anni. Mi piace essere un innovatore e lanciare innovazioni. La mia motivazione è vedere clienti felici e contribuire a migliorare soluzioni per l’arredamento e l’hardware architettonico. (grande sorriso)


*Normativa UE sui prodotti per costruzione N. 305/2011.

Helle Kinning

Opportunità commerciali – Mercato in crescita in India

Author: Helle Kinning, Marketing and distribution support specialist


30th Oct 2013


Mentre molti Inglesi e Indiani erano incollati alla TV a guardare il torneo di cricket “Ashes”, Accuride si è tenuta informata parlando brevemente con il nostro distributore indiano VRVS di Hyderabad. Mr V B Manoj ci ha aggiornati sull’esplosione del mercato indiano.


Mr Manoj, La preghiamo di dirci in breve la storia della Sua azienda; in che settori è coinvolto e che prodotti vende?

Abbiamo 3 reparti; in primo luogo distribuiamo vari componenti elettrici. In secondo luogo facciamo offerte d’appalto e in terzo abbiamo un’unità di produzione e manutenzione. Offriamo servizi tecnici e diamo lavoro a circa 500 persone ma ho in progetto di portare l’attività a un livello superiore e di dar lavoro a circa 2000 persone.


Piani estremamente ambiziosi! Quali sono in India le industrie e i mercati in maggior crescita? C’e’ stato un cambiamento negli ultimi 5 anni?

Mi pare che la crescita attuale del prodotto interno lordo (PIL) sia circa il 6%. Le industrie in crescita sono l’energia, il dettaglio, gli elettrodomestici, le infrastrutture e l’edilizia. Ma in realtà quasi tutto in India è in crescita! Direi che è come una “Nuova Cina” ma la maggior parte della produzione è per l’esplosione del mercato interno e non solo per l’esportazione.


Questo mi porta a un’altra domanda: perché dovrebbero venire in India le aziende estere? È solo una questione di manodopera economicamente vantaggiosa?

Sì e no. Il costo della manodopera attrae più che nel Centro Europa ma, come ho detto, la maggior parte della produzione è volta a soddisfare le esigenze del mercato interno. In India la fascia di età più ampia va dai 25 ai 40 anni che è chiaramente l’età lavorativa più produttiva, per cui abbiamo le persone giuste per fare il lavoro.


Quali sono le maggiori differenze culturali e sociali tra l’India e l’Europa Occidentale? Esempi?

Networking, networking, networking! I contatti sono importanti. In realtà penso che l’India sia estrememente conservativa. Abbiamo un sacco di produzione e siamo i più grandi produttori mondiali di acciaio.

Un’altra differenza è l’uso dell’Internet che non è usato così tanto come in Europa. È in crescita ma non tutti hanno accesso.

Il più importante articolo domestico in India è .... una bella TV vecchia! La gente può vivere nella casa più povera, ma ha una televisione nell’angolo. Questo mi porta a un’altra enorme differenza tra l’Europa e l’India: i mercati B2B fanno pubblicità in TV ma in Europa si indirizzano principalmente al mercato dei beni di consumo.

La TV ha anche cambiato l’atteggiamento verso gli acquisti e il risultato è che sempre più persone usano lo shopping in linea.

Cosa consiglierebbe, un locale, alle aziende europee interessate a venire a fare affari in India?

Abbiamo un potenziale di mercato enorme e mercati nuovi. Perché non produrre qualcosa per il mercato interno che non esiste ancora in India? È una grande opportunità.

Lei è una persona talmente entusiasta, qual è il Suo motto nella vita?

Comportati bene e fai del bene!

VRVS Electrical Solutions Pvt Ltd
www.vrvsonline.com

Sue Witkowski

Il vostro ufficio a casa è comodo come dovrebbe essere?

Author: Sue Witkowski, Marketing services manager


15th Oct 2013


Potete lavorare da casa, lasciar giocare i bambini con i videogiochi o avere una postazione di lavoro in un angolo. È insolito trovare una scrivania e sedia adatti a tutti in famiglia e spesso si usano i computer portatili o le console di gioco seduti sul divano.

Dobbiamo tutti star comodi. So che se sto seduto troppo a lungo in una posizione poi sono tutto irrigidito. Se mi stravacco sul divano, poi mi fanno male il collo e la schiena.

È ovvio che una posizione inadeguata può causare problemi alla schiena, ma ci potrebbero essere altri problemi per il collo, le braccia, mani e gli occhi.

Per esempio, sedere comprimendo il retro delle ginocchia e delle cosce può limitare il flusso sanguigno, pensate a come ciò influisce sui bambini piccoli che siedono nella vostra sedia d’ufficio con le gambe a penzoloni e senza sostegno.

Anche occhi infiammati o mal di testa possono essere il risultato del cattivo posizionamento di uno schermo o di cattiva illuminazione.

Di solito quando un computer viene installato nel posto di lavoro è soggetto alle norme di igiene e sicurezza collegate al lavoro con attrezzatura munita di videoterminale. Ma quanti di noi ci pensano quando compriamo un PC o computer portatile da usare a casa?

La vostra scrivania e postazione di lavoro a casa è adatta a tutta la famiglia?

Non suggeriamo che si debbano applicare le normative a voi a casa (a meno che non siate iscritti come lavoratori a domicilio, nel qual caso fate riferimento alla politica di igiene e sicurezza del vostro datore di lavoro). Ma è logico accertarsi che la famiglio non sia a rischio quando si usa un PC, computer portatile o console per videogiochi a casa.

Far sì che il computer sia comodo per un bambino di 5 anni e anche per un adulto richiede un bel po’ di pianificazione.

Ecco alcuni suggerimenti....

Regolate l’altezza della sedia di modo che i piedi siano piatti sul pavimento. Questo manterrà caviglie, ginocchia, anche e gomiti a 90°. Le braccia devono pendere dalle spalle in una posizione relativamente rilassata con l’avambraccio quasi orizzontale e i polsi in posizione neutra. Cercate di sostenere il fondo schiena, ma cambiate anche posizione regolarmente oppure alzatevi e camminate un po’ in modo da non irrigidirvi.

Tenete una posizione neutrale del polso. Evitate di piegare il polso notevolmente verso l’alto o verso il basso per raggiungere la tastiera. La riga dove si trova “home” dev’essere circa all’altezza dei gomiti. Non appoggiate i polsi sulla scrivania e non tenete la tastiera angolata.

Cambiare l’altezza della sedia o della scrivania per ottenere la posizione giusta. Se non avete questa regolabilità, vedete di usare un portatastiera regolabile in atezza e un appoggiapiedi.
Non lasciate penzolare a mezz’aria i piedi dei bambini, usate una scatola o uno sgabello basso come appoggiapiedi.

Posizionate il mouse vicino alla tastiera. Mettetelo vicino e in posizione facile da raggiungere tenendo rilassati braccio e spalla. Potete anche voler usare il mouse dall’altro lato della tastiera.

Tenete lo schermo a circa 600 mm dal viso. Quando siete seduti correttamente e guardate in avanti dovreste essere al livello del bordo superiore del monitor. (Un elenco telefonico è un’ottima piattaforma per lo schermo o un appoggiapiedi.)

Se la vostra scrivania è troppo stretta potete usare un portatastiera per allontanarvi dallo schermo.

Cercate di ridurre l’eventuale riverbero delo schermo riposizionando la luce.

Computer portatili

Avete passato tutto il giorno a lavorare seduti davanti a un computer, arrivate a casa e accendete il computer portatile mettendovelo in grembo o appoggiandolo sul tavolino basso. O forse siete in viaggio per affari e usate il portatile nella stanza d’albergo.

Scommetto che, non importa dove usate il computer portatile, siete chini sopra ad esso con le spalle curve e le mani contratte sulla tastiera.

Prendete in considerazione l’idea di investire in scrivania e sedia. Mettete il computer portatile su uno stand e usate tastiera e mouse separati. Questo vi aiuterà a mettere lo schermo all’altezza giusta e tutti i componenti in una posizione molto migliore per voi.

Se vi state rilassando su un divano potrete scoprire che un tavolino o porta-computer portatile sarà molto più comodo.

Videogiochi

Si gioca spesso ai videogiochi con la testa spinta in avanti e le spalle arrotondate.

Se voi o i vostri figli passate del tempo a giocare ai videogiochi, è probabile che valga la pena di investire in una sedia migliore o in supporti lombari o per le braccia. In Internet si trovano un sacco di consigli e il costo di questi articoli non è niente a paragone con l’attrezzatura dei giochi o la salute della famiglia.

Infine, ricordate che anche una posizione ‘ideale’ diventerà scomoda se mantenuta per lunghi periodi senza cambiarla.

In Internet c’e’ una montagna di consigli sulla posizione corretta e su prodotti ergonomici. Per ulteriori informazioni potete anche fare riferimento all’Agenzia Europea di Igiene e Sicurezza sul Lavoro: https://osha.europa.eu.

Images courtesy of Sixninepixels and Stuart Miles at FreeDigitalPhotos.net

Helle Kinning

Pensare in termini mondiali e agire in termini locali; una storia commerciale dalla Svizzera

Author: Helle Kinning, Marketing and distribution support specialist


30th Sep 2013


Una volta, un pomeriggio estivo molto caldo, sono andato in Svizzera per parlare alla HW-TEC, che cura il mercato industriale di quel paese e ho parlato con Patrick Nauer, il nuovo MD, e Beat Schwizer, Ingegnere e Sales Manager per quella zona.

Vi prego di presentarvi.

Siamo un’azienda privata, di famiglia, fondata 30 anni fa. Trattiamo automazione, packaging, macchinari, industria medica e automobilistica, robotica.

Come decidete con che aziende lavorare in partnership e che prodotti vendere? Perché Accuride?

Le aziende devono avere la nostra stessa passione, atteggiamento e qualità prodotto. Abbiamo deciso di lavorare con Accuride perché lavoravamo già con i sistemi lineari Rollon e Accuride riempiva i vuoti prodotto.

Avete un programma Quick Ship vasto e impressionante con guide disponibili a magazzino che si adatta bene alla nostra gamma di qualità. Tempi di consegna brevi sono e saranno sempre più importanti e un fattore chiave per l’attività.
E le persone nella Sua ditta fanno una bella differenza; sarebbe difficile trattare quotidianamente con gente con cui non andiamo d’accordo.

Ci sono particolari differenze tra il mercato svizzero e quello di altri paesi dell’UE? Per esempio cultura, settori di mercato, leggi?

Sì, abbiamo delle leggi diverse dagli altri paesi dell’UE. In termini molto generali direi che il mercato svizzero è famoso per la produzione di macchinari meccanici molto speciali di qualità e precisione molto alte.

Per esempio, tutti conoscono i nostri famosi orologi svizzeri, ma siamo anche famosi per sistemi robotizzati di movimentazione per il mercato medico. Direi inoltre che, per le dimensioni del paese, la Svizzera ha più imprese ingegneristiche di qualsiasi altro paese europeo.

Ma ciò che è anche diverso a paragone con l’Inghilterra, per esempio, è che in Svizzera abbiamo 26 cantoni (membri della Federazione di Stati) e ciascuno ha costituzione, legislazione, governo e tribunali propri. Quindi se hai un sacco di soldi, puoi prendere in considerazione in che cantone vivere a seconda di quante tasse vuoi pagare ...

Sì, molti in Europa pensano che voi Svizzeri siete tutti milionari.

Beh (ridendo), è anche perché lavoriamo sodo per molte ore, ma la gente tende a vedere solo il glamour esterno e non tutto il lavoro necessario alle spalle. Ma sfortunatamente non siamo tutti milionari!

La recente recessione ha avuto un impatto sul commercio svizzero?

Sì, definitivamente. Dobbiamo esportare, il nostro paese e il nostro mercato non sono così grandi. Alcune aziende svizzere esportano il 90-100% della loro produzione, quindi quando c'è stato il collasso nell’UE, ci ha colpito.

L’EURO è diventato troppo debole e il Franco Svizzero troppo forte. Il risultato è stato che i prodotti svizzeri sono diventati più cari del 20%! Recessione e prodotti cari hanno creato una situazione estrema.

Ma non penso che la recessione sia stata particolarmente forte in Svizzera. Anche se direi che la ripresa è stata più lenta che in Germania. Avere la propria valuta è sia una benedizione che una sventura.

Si sono sviluppate opportunità dalla recessione?

Dato che la recessione non è stata così sentita in Svizzera, non ha creato neanche tante opportunità. Alcune aziende sono entrate nell’industria dell’energia solare e delle turbine eoliche come opportunità nuova. Chiaramente questo si riferisce a tutte le industrie di energia rinnovabile di tendenza.

L’industria alimentare è cresciuta man mano che la gente ha comiciato a cucinare di più a casa e forse a mangiar fuori piuttosto che andare in vacanza all’estero; ma penso che questo sia successo anche in altri paesi.

Attualmente la disoccupazione è al 3,55%, quindi essere un paese piccolo può essere un vantaggio.

E, come sa, abbiamo cioccolatini favolosi, quindi se la vita non sembra tanto bella, mangiar cioccolatini aiuta sempre!! (risata)

Come ha continuato ad aver successo HW-TEC in questo periodo?

Il nostro giro d’affari ha sofferto un po’ dato che le aziende non investivano molto in macchinari nuovi ed altri prodotti dove erano installati i nostri articoli, ma fortunatamente non abbiamo dovuto licenziare nessuno. Tutti nell’azienda possono svolgere mansioni diverse, anche gli uomini! (altra risata!) Il personale sa fare lavori diversi.

Che piani avete per il futuro? Vedete opportunità emergenti?

Piani futuri? Intende ferie? (altre risate) Abbiamo aumentato il personale, abbiamo un Managing Director nuovo e anche un nuovo Sales Manager per la Svizzera francese, perché lì è dove vogliamo crescere.

Progettiamo anche di aumentare le nostre attività di marketing con un sito Internet nuovo: permettere ai clienti di scaricare disegni prodotto, fare più campagne pubblicitarie per corrispondenza, ecc. È importante non essere soddisfatti, anche se l’attività prosegue bene, ma cercare sempre opportunità nuove e trovare clienti nuovi.

Quali sono le opportunità di crescita in generale in Svizzera?

L’industria di energia rinnovabile forse? Talvolta leggi nuove nell’Unione Europea creano richieste nuove per l’industria dei macchinari e, naturalmente, siamo influenzati da cosa succede nell’UE.

Qual è la Sua strategia per proteggere prodotti di buona qualità come i vostri dalla concorrenza bassa dell’Estremo Oriente?

Fortunatamente molte aziende svizzere preferiscono trattare con aziende locali. Il mercato locale offre buoni tempi di consegna e, dato che i prodotti svizzeri hanno una reputazione di qualità molto alta, chiaramente i componenti nel prodotto finale devono essere dello stesso calibro.

Inoltre le aziende svizzere preferiscono la flessibilità. Se lavori con l’Estremo Oriente non si possono sempre avere le specifiche desiderate o i tempi di consegna richiesti.

Come sviluppate rapporti nuovi con clienti in Svizzera e/o Europa – pubblicità su Internet, fiere, campagne per corrispondenza, bussate forse alle porte?

Per trovare nuovi clienti partecipiamo a moltissime fiere. Se siamo fortunati con un’azienda in un’industria, cerchiamo via Google altre aziende nella stessa industria che potrebbero essere interessate ai nostri prodotti. Sembra semplice, ma non c’è nessun bisogno di complicarsi la vita! Incoraggiamo anche i nostri dipendenti a leggere riviste tecniche e articoli in Internet collegati all’industria per sviluppare idee nuove.

Patrick, nel Suo nuovo ruolo di Managing Director, quali sono i suoi scopi e la direzione di HW-TEC?

Senza dubbio l’aggiornamento delle nostre attività di marketing. Per esempio sito internet, newsletters, server nuovo, miglior supporto per i dipendenti con programmi interni migliorati che permettano di lavorare in modo più efficiente. Voglio che possano servire i clienti più rapidamente e in generale passare più tempo con loro, piuttosto che perder tempo con documenti vari.

Ci sono studi analitici che vorrebbe condividere con noi?

Da dove cominciamo? I prodotti Accuride sono venduti quotidianamente a così tante industrie che potremmo scrivere una storia diversa solo per loro.

Ma penso che siamo un distributore che non solo vende i vostri prodotti ma ne inventa anche di nuovi per voi. Vi secchiamo sempre con idee nuove! (grande sorriso) Abbiamo lavorato in stretta collaborazione con voi nello sviluppo della vostra guida 0115RC per sistema lineare che ha aperto mercati nuovi per tutti.

E infine, qual è il vostro motto di vita?

Beat – Sii felice!
Patrick – d’accordo! Ottimismo! Trovare opportunità nella vita.

www.hw-tec.ch

Sue Witkowski

Cosa succederebbe alla vostra attività in caso di disastro?

Author: Sue Witkowski, Marketing services manager


3rd Sep 2013


Da pochi mesi faccio parte di un team interno che ha esaminato la capacità dell’azienda di rimettersi in carreggiata in caso di disastro.

Abbiamo sempre avuto un piano ma abbiamo pensato che fosse opportuno un riesame e abbiamo voluto concentrarci sulla continuità dell’attività piuttosto che semplicemente sulla ripresa dopo la calamità.

Questo tipo di progetto ti fa veramente pensare attentamente a come opera l’azienda, specialmente la dipendenza dai sistemi informatici. Bisogna anche essere convinti di poter continuare a servire i propri clienti, pagare i fornitori e il personale.

È stato un progetto veramente valido. Abbiamo valutato i rischi e abbiamo accertato di avere back-up in tutta Europa unitamente a un piano di continuità commerciale che funzioni.

Sono sempre disposta a far girare le buone idee e ho quindi messo assieme alcuni indicatori utili su come preparare un piano.

Come cominciare un progetto di continuità commerciale?

Per prima cosa è necessario valutare i disastri che potrebbero verificarsi e analizzare il rischio per l’azienda.

Non tutti i disastri hanno un impatto su tutti i settori di un'attività, quindi un primo passo importante è garantire che i piani di ripresa siano adeguati.

Per esempio, prendiamo in considerazione questi possibili eventi; ognuno richiede una risposta diversa:

• danni alle risorse computerizzate e di rete
• maltempo che ostacola la catena di approvvigionamento
• epidemia di influenza tra il personale
• danni alluvionali alla merce
• guasto all’alimentazione
• interruzioni serie nell’accesso al sito

Una volta identificati i rischi probabili potete iniziare a pianificare come gestire qualsiasi crisi prima che diventi un vero disastro. Questa è l’essenza della ‘continuità commerciale’ piuttosto che la ripresa da un disastro.

Valutazione dell’impatto

• Possibili incidenti & risultati
• Indice di probabilità
• Livello d’impatto potenziale

Sviluppo del piano

• Possibili conseguenze
• Che funzioni critiche devono riprendere & in che ordine
• Identificazione di persone & compiti chiave – ‘chi fa cosa’
• Clienti – accertarsi di avere una lista dei contatti, sapere cosa dire e chi si deve mettere in comunicazione
• Non dimenticare i fornitori
• Coinvolgere la società dei servizi di sicurezza e i vigili del fuoco.
• Prendere accordi reciproci con altre aziende locali.

Test del piano

• Può essere un test a tavolino o qualcosa di più impegnativo
• Controllare regolarmente il piano

Training/Comunicazione

• Training del personale
• Documentazione

Mantenimento del piano

• Incaricare qualcuno come responsabile

Lista di controllo continuità aziendale

• Nome e dettagli per contattare il Manager progetto di continuità aziendale
• Team che prenderà le decisioni chiave
• Dettagli per contattare il team e riunirlo
• Centro di controllo designato come punto d’incontro
• Identificazione dei processi commerciali critici e delle risorse necessarie a farli proseguire
• Necessità generali di risorse, per esempio hardware e software informatica, telecomunicazioni
• Dettagli su come programmare la ripresa
• Disposizioni per come trasferire le chiamate telefoniche
• Numero di emergenza che i dipendenti devono contattare per ottenere le ultimissime informazioni
• Contatti per agenzie interne ed esterne che possono sostenere la ripresa
• Dettagli sui gestori di rete
• Indirizzo del sito di ripresa
• Contenuto e ubicazione del pacchetto riguardante la calamità
• Lista di clienti, fornitori e terzi chiave e loro dettagli di contatto
• Esauriente lista a cascata riguardante il team
• Backup dei dati computerizzati ed eventuali documenti cartacei critici conservati fuori sede
• Schemi rete, progetti costruttivi ed altre informazioni tecniche
• Precauzioni da prendere in caso di incidente, per esempio durante l’evacuazione del personale

Sono disponibili moltissime risorse, quali i Vigili del fuoco locali, la Camera di Commercio o l’Assicurazione. Se vi trovate in una zona commerciale potrebbe esserci un’associazione o una società di gestione in grado di aiutarvi.

Speriamo di non dover mai fare un test reale.

What.How.When.

Stai pensando di acquistare, installare o usare una guida per cassetti?
La nostra guida "What. How. When." per le guide a sfera è tutto quello di cui hai bisogno.

Casi aziendali...

Rampa allungabile per cargo bike per sedie a rotelle

La cargo bike è stata progettata così che una persona in sedia a rotelle possa gustare il piacere di andare in bicicletta. Il produttore si...

> Leggi

Rampa allungabile per cargo bike per sedie a rotelle


News & Blog Sign Up

Tenetevi aggiornati con le ultime novità sui prodotti e i progetti mediante e-mail.